LIVE LIKE A GROUPIE: SABLE STARR

Sable Starr è considerata la “regina della scena groupie” a Los Angeles durante i primi anni ’70.

COME TUTTO EBBE INIZIO

Sable Starr, all’anagrafe Sable Hay Shields, nasce il 15 agosto 1957 a Palos Verdes in California da una famiglia benestante.

A soli undici anni inizia a frequentare i primi concerti a Los Angeles e, a dodici, perde la verginità con Randy California, chitarrista degli Spirit.

In breve tempo la ragazza diventa una delle prime “baby groupies” a frequentare i locali notturni alla moda sul Sunset Strip di West Holliwood, insieme alla coetanea Lori Maddox.

LA VITA DA GROUPIE

Durante il suo primo periodo come groupie, Sable continua a vivere con la sua famiglia e a frequentare il liceo. I genitori disapprovano il suo stile di vita e lei cerca di non contrariarli eccessivamente.

Starr stringe diverse relazioni con gli esponenti del genere rock più influenti dell’epoca, come David Bowie, Alice Cooper e Iggy Pop. Quest’ultimo le dedica nel 1996 la canzone “Look Away”, che cita:

“I slept with Sable when she was 13,

Her parents were too rich to do anything,

She rocked her way around L.A.,

‘Til a New York Doll carried her away.”

Aveva, inoltre, una particolare simpatia per i Led Zeppelin, soprattutto per Robert Plant e Jimmy Page. Lori Mattix dichiarò di essere stata addirittura minacciata di morte dall’amica se avesse provato ad avvicinarsi a Page.

All’età di sedici anni scappa di casa per andare a vivere a New York con Johnny Thunders, il chitarrista del gruppo glam rock New York Dolls. La madre di Sable denuncia l’entourage della band e accusa il chitarrista del rapimento della figlia.

La relazione e la convivenza tra i due si rivela subito problematica. Johnny è geloso ed ha problemi di tossicodipendenza, che spesso lo portano ad essere violento. Inaspettatamente Sable rimane incinta e il chitarrista le chiede di sposarlo, ma la ragazza declina e decide di abortire.

Stanca del modo in cui viene trattata da Thunders e incapace di abituarsi allo stile di vita di New York, Starr tronca la relazione e torna a Los Angeles. In un’intervista anni dopo racconterà i retroscena del loro rapporto, dichiarando:

“Provò a distruggermi. Dopo essere stata con lui, non riuscivo più a capire chi fossi, era come se Sable Starr non esistesse più”

Torna comunque spesso a New York, dove intreccia una relazione con Richard Hell, fa amicizia con Nancy Spungen e assiste alla fiorente scena punk rock dell’epoca.

OLTRE LA GROUPIE

All’inizio degli anni ’80 Sable Starr abbandona definitivamente la scena.

Incomincia a lavorare come croupier al Carson Valley Inn a Minden, capoluogo della contea di Douglas nello stato del Nevada.

Muore nella sua casa, il 18 aprile 2009, a causa di un tumore al cervello, lasciando il compagno e i figli Allie Shields e Christian Sharpsteen.

Sable Starr può essere considerata un simbolo dell’emancipazione femminile. Ha dimostrato forza e fermezza nei suoi contrasti con la famiglia e, nonostante la giovane età, teneva in pugno alcune delle personalità più emblematiche della storia del rock.

Molti volti famosi la consideravano una delle principali icone femminili di Los Angeles negli anni ’70, tanto che un’altra famosa groupie dell’epoca, Bebe Buell, ricorda:

“Ogni rockstar che veniva a L.A. voleva incontrarle […]. Era come ‘Dobbiamo incontrare Sable Starr e Lori Maddox’. C’era della determinata gente che dovevi incontrare quando eri a L.A.”

 

Questo elemento è stato inserito in Blog. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *